Quando lavora con un cliente, il nutrizionista inizia con una analisi dei suoi bisogni nutrizionali ed energetici. Il nutrizionista prende in esame anche gli obiettivi specifici che l’individuo vuole raggiungere: perdere peso, raggiungere migliori prestazioni in una disciplina sportiva, adeguarsi a prescrizioni mediche (come nel caso di una diagnosi di diabete, di obesità, di malattie del metabolismo). In base a questi dati, elabora un piano nutrizionale personalizzato. La dieta impostata deve rispondere ai bisogni emersi in fase di valutazione, e tenere in considerazione anche i costi che può comportare.

Il nutrizionista fornisce informazioni e consigli utili anche sulla scelta e sulle modalità di preparazione dei cibi previsti dalla dieta. Segue poi l’andamento del piano stilato: ne valuta gli effetti e fa le modifiche necessarie per facilitare il raggiungimento degli obiettivi stabiliti.

Il nutrizionista, o biologo nutrizionista, è un esperto dell’alimentazione e della nutrizioneelabora diete e profili nutrizionali sia per soggetti sani che per persone in condizioni patologiche, fornisce consigli per una corretta alimentazione e uno stile di vita sano per favorire il benessere dell’individuo e migliorarne lo stato di salute.

Il nutrizionista sportivo si occupa dell’alimentazione di atleti che intendono migliorare le loro prestazioni e raggiungere il massimo della forma.

Nello sportivo, sia amatoriale che professionista, la corretta alimentazione è fondamentale per raggiungere i risultati prefissati. Infatti, nonostante la costanza degli allenamenti, le cattive abitudini alimentari possono portare a una scarsa efficienza dell’organismo diminuendo notevolmente le performance sportive e, nei casi peggiori, sviluppare malattie.

Un nutrizionista in particolare:

  • conosce i meccanismi biochimici e fisiologici della digestione e dell’assorbimento, i processi metabolici a carico dei nutrienti e riconosce gli effetti dovuti alla malnutrizione per eccesso e per difetto dell’atleta sottoposto a carichi di lavoro impegnativi;

  • è capace di valutare la composizione corporea nei suoi sottoinsiemi fondamentali (molecole, cellule, tessuti) e le tecniche di valutazione dei singoli distretti; il metabolismo corporeo, il dispendio energetico, le tecniche ed i metodi di misura (plicometria, impedenziometria, calorimetria, dexa);

  • è in grado di definire gli apporti energetici e le qualità nutrizionali dei singoli alimenti e conosce la composizione di base ed i fattori che regolano la biodisponibilità di macronutrienti e micronutrienti per ogni tipologia di atleta;

  • è in grado di verificare la corretta assunzione di alimenti per raggiungere i livelli raccomandati di nutrienti per il mantenimento dello stato di salute ed il raggiungimento delle massime performances;

  • è in grado di valutare lo stato di nutrizione più consono alle caratteristiche fisiche e psichiche dell’individuo sottoposto a stress, con particolare riguardo all’attività fisica agonistica;

  • sa fornire una coscienza alimentare all’atleta, garantendo e soprattutto mantenendo nel lungo periodo i prefissati obiettivi. 

  • gestisce i ritmi alimentari che riguardano essenzialmente la distribuzione energetica nella giornata, che deve tenere conto dell’orario dell’allenamento o della gara: è in base a questi dati che il nutrizionista formula e mette in gioco schemi alimentari diversi.

SEI UN
NUTRIZIONISTA SPORTIVO?

Entra a far parte del Team di IMSA Nutrition Lab

In brevissimo tempo sarai contattato!

SEI UNO SPORTIVO?

Richiedi un colloquio con un nostro Consulente Nutrizionale, in modo da capire al meglio il servizio. 

In brevissimo tempo sarai contattato!

Condividi!